Le migliori poltrone per il riposo

Come scegliere una poltrona confortevole

Scegliere una poltrona riposante non vuol dire dover rinunciare al design e sul mercato è disponibile una vasta serie di poltrone dedicate al riposo, efficienti e dallo stile impeccabile.
Un tempo, le poltrone da riposo avevano un aspetto quasi ‘ospedaliero’ ma oggi si presentano esteticamente perfette e ricche di mille ritrovati tecnologici per un riposo tranquillo del corpo.
Se dovete acquistare una poltrona da destinare al piacevole relax dopo un’intensa giornata lavorativa, tenete presente che essa costituirà un pezzo decisamente importante del vostro arredamento e verrà utilizzata tantissimo.
E’ preferibile focalizzare l’attenzione su poltrone dagli ottimi standard qualitativi, al fine di ottenere un prodotto durevole e che sia adatto alle esigenze di ogni membro familiare.
Se in casa ci sono anziani o persone con problemi motori, si può optare per una poltrona per il riposo dotata di congegni particolari per agevolare la seduta e il sollevamento.

Le tipologie di poltrone per il riposo

Il mercato dell’arredamento moderno offre tante tipologie di poltrone dedicate al relax e tutte, comprese quelle super accessoriate, hanno un design eccellente.
Se volete delle poltrone che oltre ad essere riposanti diventino parte integrante del vostro soggiorno, potete scegliere quelle da salotto che anche se non sono provviste di nessun congegno elettronico, sono confortevoli e pratiche, a patto che siano rivestite con ottimi materiali ed abbiano la giusta imbottitura.
Una poltrona relax semplice ma nello stesso tempo funzionale, è quella con motore che permette di sincronizzare il movimento tra schienale e poggiapiedi, al fine di reclinare i due elementi nello stesso momento.
Le posizioni di questa poltrona assicurano il totale comfort in ogni momento della giornata sia in posizione seduta, per guardare la TV o per fare il sonnellino pomeridiano.
Se invece siete affetti da patologie come la scoliosi o le ernie vertebrali e trascorrete la maggior parte del vostro tempo seduti, potete optare per una comoda poltrona per il riposo ortopedica che è provvista di due motori che movimentano lo schienale ed il poggiapiedi, in maniera indipendente.
Un’altra poltrona per il riposo è quella dedicata ai disabili ma si adatta anche agli altri componenti familiari.
E’ provvista di un piccolo braccio estraibile che rende agevole il passaggio dalla sedia a rotelle alla seduta.
Questo tipo di poltrona è utilissima se avete subito un piccolo infortunio o avete una disabilità temporanea e dopo il periodo di convalescenza, la poltrona può diventare un ottimo complemento d’arredo.
Le poltrone massaggianti invece, sono l’ideale se volete assaporare momenti di autentico relax.
Il massaggio posturale che effettuano queste poltrone offrono al corpo il meritato benessere dopo un’intensa giornata di lavoro.

I rivestimenti e l’imbottitura

Per far durare a lungo le vostre poltrone da riposo, cercate di prediligere i rivestimenti traspiranti di fibra naturale.
La pelle ed il cuoio sono ‘icone’ che non passano mai di moda e se vi piacciono questi due materiali, leggete attentamente la scheda tecnica e accertatevi della provenienza e della lavorazione delle pelli e se con l’usura compariranno grinze o doppie pieghe, non dovete allarmarvi perché sono caratteristiche naturali del tempo.
Per quanto riguarda l’imbottitura, acquistate delle poltrone per il riposo che abbiano il giusto equilibrio tra resistenza e morbidezza.
I requisiti giusti sono la capacità di sostenere il peso corporeo, pur offrendo la giusta cedevolezza.
Date la precedenza alle imbottiture di poliuretano espanso con un buon grado di elasticità e densità, preferendo il poliuretano rivestito con ovatta acrilica.