I dispositivi per la protezione individuale necessari per la propria sicurezza

I dispositivi per la protezione individuale, noti anche come DPI, sono apparecchi fondamentali per poter lavorare in condizioni di sicurezza e non solo. Questi strumenti hanno il compito di proteggere la salute delle persone impegnate in un’attività, sia essa professionale, sportiva oppure ricreativa. L’utilizzo dei DPI è stabilito dal decreto legislativo n.81/2008, secondo le disposizioni già segnalate su un documento antecedente, il D.Lgs. 475/92, ed è da ritenersi applicabile solo nelle condizioni in cui non è possibile eliminare il rischio. I dispositivi per la sicurezza devono necessariamente riportare il marchio CE, che ne certifica la regolamentazione europea, e avere un manuale di utilizzo.

Le varie categorie dei dispositivi per la protezione individuale

I DPI possono essere classificati in tre differenti categorie, stabilite in base al rischio che l’apparecchio deve combattere. I dispositivi di I categoria hanno il compito di salvaguardare la persona da danni lievi, mentre quelli di III sono quelli che hanno subito una progettazione più complessa. Essi devono proteggere il lavoratore dai rischi derivanti da agenti nocivi, come i gas oppure gli acidi corrosivi, che possono arrecare notevoli danni alle vie respiratorie oppure alla pelle. I DPI di II categoria comprendono, invece, tutti i dispositivi che non rientrano nelle prime due classi e che sono dotati di un organismo di controllo certificato. Le apparecchiature per la protezione del viso, degli occhi o delle braccia vanno pertanto considerati come DPI di II categoria. Molto importante, in tal senso, risulta verificare con continuità le date di scadenza dei prodotti, in modo da fornire le migliori condizioni possibili di sicurezza alle persone impegnate nelle attività.

I dispositivi per la protezione fisica più importanti

Probabilmente i DPI più conosciuti e utilizzati nelle fabbriche sono l’elmetto e i guanti, che devono essere regolarmente certificati tramite il marchio CE. Il casco ha la necessità di essere compatibile con altri dispositivi, come gli occhiali o le cuffie, che hanno il compito di proteggere la vista e l’udito del lavoratore. I guanti devono rispettare le norme di conformità EN420 e possono essere realizzati in diversi materiali, a seconda della professione o dell’attività svolta. Molto utili risultano essere soprattutto quelli ad isolamento elettrico, fondamentali quando si ha a che fare con cavi ad alta tensione. Fondamentali risultano, infine, gli occhiali, che devono proteggere il bulbo oculare da lesioni, schegge, radiazioni e altri elementi pericolosi per le pupille.

La protezione dei piedi e delle vie respiratorie

Un altro tipo di DPI di grande importanza è rappresentato dalle mascherine e dai filtri, che evitano al lavoratore di respirare sostanze tossiche. Gas, vapori e polveri sono i principali responsabili di malattie alle vie respiratorie e solo utilizzando questi accessori si può evitare l’insorgenza di patologie gravi. Oltre alle maschere con i filtri sono considerati DPI di questo tipo gli isolanti e gli autorespiratori, che consentono la normale respirazione alle persone. Gli arti inferiori, infine, vanno adeguatamente protetti attraverso ginocchiere, scarpe e un abbigliamento indoneo all’attività svolta. La norma da rispettare è la EN345 e prevede, tra gli altri elementi, una buona suola antiscivolo e un puntale rinforzato.